Incroci, di Tullio Pericoli

320dfd65e0451f5bbbf62893ca7a5a31_w240_h_mw_mh_cs_cx_cy.jpg

TITOLO: Incroci

AUTORE: Tullio Pericoli

EDITORE:  Adelphi PP: 97 PREZZO: 12,00

A volte sembra che Tullio Pericoli scriva con la stessa matita che usa per disegnare – magari quel mozzicone minuscolo che tiene sempre pronto in tasca per ogni evenienza. Ma la matita di Pericoli è anche il suo contrario, una gomma che serve per cancellare tutto quanto appare superfluo. Lo dimostra questo libro, dove Pericoli schizza a memoria ventidue profili di persone che ha incontrato, e che hanno segnato altrettanti punti di svolta. Può trattarsi di amici di una vita, come Umberto Eco, di bizzarri mecenati come Livio Garzanti, o anche di personaggi illustri abbordati in un attimo di incoscienza – come Eugenio Montale, incrociato per caso nell'androne del «Corriere», poi accompagnato a casa in 500, in un silenzio surreale che trasforma l'incontro in una micropièce dell'assurdo. In quasi tutti questi racconti lunari e sorridenti, intervallati da ritratti che disegnano una sorta di libro parallelo, ci sono pause improvvise, o reticenze che a volte spiazzano: ma sono solo un piccolo trucco, un piccolo effetto speciale di Pericoli per farci sentire meglio il suono – inconfondibile – della sua matita al lavoro.

Forme-del-Paesaggio-Tullio-Pericoli-Ascoli-Piceno-2019©Andrea-Vagnoni__25-300x200.jpg
jumultithumb_joomla-ua.org giacomo leopardi 1987.jpg