La debuttante, Leonora Carrington

24d8663fb152850420bb849c785caf9b_w240_h_mw_mh_cs_cx_cy.jpg


TITOLO: La debuttante

AUTORE: Leonora Carrington Traduzione: Nancy Marotta, Mariagrazia Gini

EDITORE: Adelphi PP: 179 PREZZO: 17,00

Donna dall'eccentricità indomabile, Leonora Carrington fu una delle «muse inquietanti» del surrealismo, dal quale però non smise mai di tenersi a debita distanza, anche negli anni in cui viveva con Max Ernst. I suoi quadri, enigmatici e beffardi, sono oggi celebrati e ricercati, ma non meno rivelatrice è la sua opera in prosa – e in particolare questi racconti, nei quali già Breton riconosceva un vertice dello «humour nero» (definizione che a lui risale). Qui il lettore potrà incontrare per la prima volta le sue creature predilette, esseri dalla natura sempre mutevole e indecifrabile, oscillanti tra l'aria ingannevole della nursery – deposito di sogni e relitti infantili – e l'orrore puro. Come nel racconto da cui prende il titolo la raccolta, dove una giovane debuttante, per evitare di partecipare al ballo organizzato dalla madre in suo onore, chiede a una iena il favore di sostituirla: con conseguenze feroci e esilaranti. Tutti «fantasmi di famiglia», su cui sentiamo aleggiare la risata rauca e affettuosamente crudele della Carrington. Per lei, ciò che per altri fu la scoperta della surrealtà, era la normalità stessa – come constatò sin dall'infanzia passata in una magione goticheggiante, che si poteva trasformare facilmente in un'allucinazione.

La prosa dei racconti di Leonora Carrington si disgrega, dando vita ad una poesia la cui luminosità sarà quella di Phanes. La gratuità degli accostamenti e delle soluzioni narrative non ha mai l’aspetto di una ragione che compia sforzi sisifei per sragionare; essa, al contrario, si innerva di una coerenza che nulla ha a che vedere con quella che sillogismi o rappresentazioni incatenano, risalendo bensì alla natura anfibolica del mito il quale, nelle pagine de La debuttante, risuona delle stesse vibrazioni che una materia adeguata e affine alla propria sorgente potrà rilasciare. 

Marco Tagliaferri, da Treccani